Consigli di Incontri

La storia, la cultura, la popolazione delle Filippine

La storia

Le Filippine furono scoperte nel 1521 dai conquistadores spagnoli che ammirarono le isole paradisiache che videro dopo molti giorni di navigazione. Hanno chiamato le isole dopo San Lazzaro. Successivamente furono ribattezzati come il re Filippo. Il numero di isole nella Repubblica delle Filippine è 7102. Alcune di esse non hanno nomi.

Se chiedi ai filippini dell'origine delle isole Filippine, ascolterai una bellissima leggenda. Dice che molto tempo fa esisteva la terra, solo cielo e acqua. Un giorno un enorme uccello stava sorvolando il mare. Volava già da molti giorni e desiderava trovare riposo. C'era un'isola per centinaia di miglia intorno. L'uccello decise di intrecciare il mare con il cielo sperando in una meraviglia. Il mare correva alto cercando di raggiungere il cielo. Il cielo minacciava, raccoglieva nuvole e si rischiarava. La lotta poteva durare più a lungo, ma il cielo aveva paura delle onde che quasi lo raggiungevano e gettavano in mare una manciata di terra. La terra si è trasformata in migliaia di isole e le onde iniziano a battere contro di loro incapaci di salire più in alto. Ecco come apparivano le Filippine.

La storia delle Filippine conta decine di migliaia di anni. Così, le prime persone sono apparse qui oltre 30 mila anni fa. Le Filippine hanno subito diverse ribellioni di liberazione e tentativi di colonizzazione. Gli spagnoli furono i primi, furono seguiti dagli americani che aiutarono i filippini a liberarsi dal potere spagnolo e, come ci si poteva aspettare, le Filippine si sentivano sotto il potere americano. L'ultimo tentativo è stato fatto dal Giappone, che ha preso il potere sulle isole per due anni. Molte cose sono cambiate da allora e oggi c'è la democrazia. Tuttavia, nessun leader delle Filippine ha portato ancora grandi ricchezze al suo popolo.

Posizione geografica e clima

Le Filippine si trovano nella parte occidentale dell'Oceano Pacifico tra la parte settentrionale dell'isola del Borneo e l'estremità meridionale della Cina. Le isole più grandi sono Luzon e Mindanao, che occupano circa un terzo delle Filippine. La capitale delle Filippine, Manila, si trova a Luzon. Altre grandi isole sono Palawan, Negros, Panay, Samar, Leite e Mindoro. Sono popolate solo circa 2000 isole di oltre 7000. Tuttavia, alcune isole sono così piccole che non potrebbero ospitare un piccolo insediamento di due o tre case. Le isole sono di origine vulcanica, sono tutte cime di catene marine. Ecco perché le isole sono rocciose. Oggi hanno ancora vulcani attivi. Il più famoso è Apo.

È interessante notare che la comunicazione tra le isole è spesso più facile che all'interno di un'isola. Le alte creste separano le persone più del mare. I paesaggi di tutte le isole includono le montagne. Le isole si estendono per 1850 km da nord a sud e per 900 km da est a ovest. Le montagne e l'acqua sono parte integrante di tutte le isole. La terza componente del paesaggio filippino è la foresta. Ci vuole circa un terzo di tutta la terra. Qui crescono centinaia di alberi preziosi. Il più famoso è nara. La sua altezza supera i 40 metri, il suo legno è molto resistente. Un altro albero famoso è il lauan, il cui diametro inferiore raggiunge i 6 metri. Coloro che vedono la foresta filippina per la prima volta di solito sono sotto la sua impressione. Anche gli indigeni portano sempre con sé un coltello speciale chiamato bolo per tagliare liane e altri germogli, altrimenti sarebbe impossibile fare un passo nella foresta.

La maggior parte delle Filippine ha un clima tropicale, la parte settentrionale ha un clima subequatoriale. Nonostante il clima tropicale sia associato a un caldo estenuante, qui è moderato dalla vicinanza del mare. La temperatura media durante tutto l'anno è di 23-28 gradi centigradi; la temperatura zero è possibile solo in montagna ma capita raramente. I mesi più freddi sono novembre e dicembre, quando la temperatura scende a 23-24 gradi. Può raggiungere i 35 gradi nel periodo da marzo a maggio. In realtà l'anno si può dividere in due stagioni: la stagione secca da ottobre a maggio e la stagione delle piogge da giugno a ottobre, spesso accompagnata da forti tifoni e terremoti.

Cultura e Popolazione

La popolazione delle Filippine è di circa 92 milioni di persone; la maggior parte di loro appartiene agli austronesiani. La popolazione è suddivisa in gruppi etnici, i più diffusi sono Ilocanos, Pangasinans, Tagal, Bicols e Pampangans. La popolazione nativa delle Filippine, i Negritos, costituisce oggi non più del 30% della popolazione totale.

La lingua ufficiale è il filippino, che è un misto di inglese e tagal. Hanno inoltre decine di lingue e dialetti, i più diffusi sono Tagal, Hiligainon, Ilokano, Waray-Waray, Bicol e Sebuano. I filippini sono molto religiosi. L'80% della popolazione è cattolica, il 10% protestante, il resto professa islam e buddismo.

La cultura delle Filippine è molto originale e si può parlare a lungo. Include elementi di entrambe le culture orientali e occidentali. La cultura è stata molto influenzata anche dalla religione: si distingue nettamente il potere della Chiesa cattolica. Hanno varie feste cristiane celebrate con molto clamore. Altre festività come Capodanno e parate militari sono dello stesso sfarzo e portata. Fiesta merita un'attenzione separata. Che si tratti di guerra, fame o devastazione, non possono impedire la festa. Inoltre, ogni isola e città ha il suo festival. Quindi, celebrano sempre qualcosa nelle Filippine.

La popolazione locale è amichevole e leale nei confronti dei visitatori. Qualunque cosa accada, i filippini trovano il motivo della gioia. Sono sempre allegri e cercano di trovare la via d'uscita da ogni situazione. Queste persone sono piene di entusiasmo, quindi possiamo imparare da loro. Non importa quanto siano amichevoli, i visitatori sono tenuti a onorare i loro riti e tradizioni. Per quanto riguarda l'immagine generale dei filippini, le opinioni variano. Alcuni li considerano persone adorabili, altri dicono che sono guidati dal beneficio. Indipendentemente da queste parole, i filippini sono famosi per la loro ospitalità. Soddisfano sempre i loro ospiti, spesso a proprie spese.

I filippini sono molto conservatori per natura. I valori della famiglia sono al primo posto per loro. La famiglia è molto importante per loro e l'atteggiamento nei confronti delle persone anziane è degno di rispetto. È quasi impossibile incontrare per strada un anziano lasciato in balia del destino.

Cucina Nazionale

La cucina filippina è molto influenzata dalla posizione geografica del paese. Molteplici mari e corpi idrici sono una fonte inesauribile di pesce, frutti di mare ed erbacce. Tonno, granchi, molluschi e gamberetti sono la piccola lista dei componenti tradizionali dei piatti filippini. Un altro elemento integrante di ogni mangiare è il riso. Lo mangiano tre volte al giorno con varie verdure e frutti di mare. I frutti di mare sono tradizionalmente grigliati; può essere preventivamente ammollato in aceto, salsa di soia o latte di cocco. La cucina filippina non può essere definita sofisticata, è abbastanza semplice.

Poiché le Filippine hanno una popolazione internazionale, ogni nazione in arrivo ha portato i suoi piatti. Molti ingredienti non erano disponibili e usavano analoghi o li sostituivano con altri prodotti. Quindi, hanno carne di maiale, pollame e altra carne. La cucina filippina di oggi è molto varia. Include piatti spagnoli, cinesi e malesi adattati e leggermente modificati. Nonostante la sua semplicità, la cucina filippina appartiene all'alta cucina mondiale offerta in molti ristoranti europei. Ciò si spiega in gran parte con l'originale accostamento di prodotti e salse esotiche che aggiungono ai piatti un sapore sofisticato e unico.

Indietro